Medicamenti in caso di spondiloartrite assiale (axSpA)

I medicamenti moderni sono generalmente in grado di influenzare positivamente l’evoluzione della SpA assiale e anche di alleviare i sintomi. Fondamentalmente, più il trattamento viene avviato presto, più è elevata la possibilità di influenzare i processi infiammatori e di prevenire le lesioni gravi. A seconda della gravità della malattia, vengono utilizzati diversi medicamenti.

I cosiddetti antinfiammatori non steroidei (AINS) sono degli analgesici privi di cortisone, che possiedono delle proprietà antinfiammatorie.

  • Gli AINS possono essere utilizzati per il trattamento sintomatico dei dolori e dell'infiammazione, ad esempio nel morbo di Bechterew e in altre malattie reumatiche infiammatorie della colonna vertebrale.
  • Essi contengono dei principi attivi come il diclofenac o l’ibuprofene, nonché i cosiddetti inibitori della COX-2 come, ad esempio, l’etoricoxib o il celecoxib.

In caso di assunzione a lungo termine, occorre tenere conto della situazione individuale del paziente. Gli AINS non devono mai essere usati di propria iniziativa ma solo secondo le raccomandazioni del medico curante.

Dietro questa sigla si nasconde il nome inglese " disease modifying anti-rheumatic drugs ". Essa designa pertanto dei medicamenti, che possono influenzare favorevolmente l’evoluzione di una malattia reumatica infiammatoria intervenendo in modo mirato su dei processi immunologici e infiammatori.

I biologici attualmente registrati per il trattamento degli adulti sono:

  • I bloccanti del TNFα golimumab, adalimumab, etanercept e certolizumab pegol per la spondilite anchilosante e la spondiloartrite assiale non radiografica
  • L'inibitore del TNFα infliximab per la spondilite anchilosante
  • Il secukinumab per la spondilite anchilosante

Le preparazioni vengono utilizzate in funzione della gravità della malattia, quando certi altri trattamenti precedenti non hanno conseguito alcun successo.

Questi antireumatici sintetici svolgono un ruolo minore nel trattamento dell’axSpA.

Soltanto quando l'infiammazione delle articolazioni periferiche (vale a dire, delle articolazioni situate sugli arti) è in primo piano che si raccomanda la somministrazione di certi DMARD per il trattamento dell’axSpA.

Cosa sono i bloccanti del TNFα?

  • I bloccanti del TNFα si legano al TNFα, sostanza messaggera infiammatoria endogena, e possono quindi inibire i processi infiammatori.
  • Essi sono usati sotto forma di infusione attraverso una vena del braccio o come iniezione sotto pelle.
  • Per conservare i miglioramenti realizzati, la terapia viene generalmente eseguita a lungo termine e sempre secondo la raccomandazione del medico curante.

CH-NON-00025; 04/2020

Cookies

Ihr Browser oder dessen Version ist veraltet und diese Seite damit nicht darstellbar. Bitte besuchen Sie unsere Seite mit einem aktuellerem Web-Browser. Auf der Webseite browsehappy.com finden Sie eine Auswahl an aktuellen Web-Browsern und jeweils einen Link zu der Herstellerseite.