Terapia della spondiloartrite assiale (axSpA), compreso il morbo di Bechterew

La spondiloartrite assiale, compreso il morbo di Bechterew, non sono curabili. Ecco perché il trattamento ha per obiettivo quello di ridurre i dolori e l'attività della malattia e di arrivare ad un arresto della malattia. A tal fine, il medico e il paziente hanno a disposizione un certo numero di trattamenti diversi. Trova qui una visione d’insieme.

 

Aggiornata il 04.09.2020 I Tempo di lettura di 10 minuti

Per il trattamento della spondiloartrite assiale (axSpA), compreso il morbo di Bechterew, vengono utilizzati dei medicamenti, dei trattamenti non farmacologici e, in alcuni casi, degli interventi chirurgici. In generale, i diversi trattamenti vengono combinati.

Trattamenti farmacologici della spondiloartrite assiale, compreso il morbo di Bechterew

Per trattare la spondiloartrite assiale (axSpA), compreso il morbo di Bechterew, esiste un certo numero di medicamenti con diversi meccanismi d'azione. Questi includono:
 

AINS

I cosiddetti antinfiammatori non steroidei (AINS) sono degli analgesici privi di cortisone, che possiedono delle proprietà antinfiammatorie. Gli AINS possono essere utilizzati per il trattamento sintomatico dei dolori e dell'infiammazione, ad esempio nel morbo di Bechterew e in altre malattie reumatiche infiammatorie della colonna vertebrale.

In caso di assunzione a lungo termine, occorre tenere conto della situazione individuale del paziente. Gli AINS non devono mai essere usati di propria iniziativa ma solo secondo le raccomandazioni del medico curante.
 

DMARDS

Dietro questa sigla si nasconde il nome inglese "disease modifying anti-rheumatic drugs". Essa designa pertanto dei medicamenti, che possono influenzare favorevolmente l’evoluzione di una malattia reumatica infiammatoria intervenendo in modo mirato sui processi immunologici e infiammatori.

I DMARD dovrebbero essere assunti in modo coerente per un periodo prolungato, poiché gli effetti del trattamento si producono solo nel corso di un lasso di tempo di circa tre mesi.
 

bDMARDS (biologici)

I bDMARDS sono dei DMARDS biologici. I pazienti che presentano una elevata attività della malattia e che non rispondono sufficientemente agli AINS vengono oggi trattati con dei medicamenti biologici derivati da alcune proteine.

Da qualche anno, sono disponibili anche dei "biosimilari" (imitazioni di medicamenti biotecnologici). Un biosimilare è molto simile all'originale, ma non è mai esattamente lo stesso a causa del complesso processo di fabbricazione.

Si distinguono:

  • Inibitori del fattore di necrosi tumorale (TNF) alfa

Questi medicamenti sono composti da sostanze derivate dalla tecnologia genetica. Gli inibitori del TNF agiscono inibendo il funzionamento di una proteina chiamata fattore di necrosi tumorale (TNF) alfa. Questa proteina è implicata nei processi infiammatori del corpo. L’inibizione del TNF-alfa può ridurre l'infiammazione nel corpo.

  • Inibitori dell'interleuchina-17

I IL-17 sono degli anticorpi monoclonali che rilevano e si legano a determinate proteine nel corpo.

Gli inibitori dell'interleuchina (inibitori dell'IL) agiscono diminuendo l'attività di una interleuchina (messaggero delle cellule del sistema immunitario) presente in concentrazioni elevate nel morbo di Bechterew (spondilite anchilosante). Gli inibitori dell'IL-17 vengono utilizzati per ridurre i segni e i sintomi della malattia nonché dell'infiammazione e per migliorare la capacità funzionale del corpo.
 

Altri medicamenti

A volte, vengono utilizzati anche altri medicamenti. Il Salazopyrin e il metotressato vengono raccomandati per i pazienti nei quali vengono colpite le articolazioni delle braccia e delle gambe. Le preparazioni a base di cortisone possono essere utili sotto forma d’iniezioni locali o sotto forma di gocce quando gli occhi sono affetti da infiammazione. Se necessario vengono prescritti anche rilassanti muscolari e psicofarmaci.

Trattamenti non farmacologici della spondiloartrite assiale (axSpA), compreso il morbo di Bechterew

Il trattamento non farmacologico è principalmente la terapia mediante il movimento. L'attività fisica è, oltre al trattamento farmacologico solitamente effettuato in parallelo, un pilastro essenziale del concetto terapeutico dell’axSpA. Per attività fisica, si intende l'aumento dell'attività quotidiana, l'attività sportiva e l'attuazione di misure fisioterapeutiche.


Esercizio e sport

L'esercizio è un elemento fondamentale nel trattamento dei pazienti affetti d’axSpA, compreso il morbo di Bechterew. L'esercizio e lo sport regolari permettono di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • il mantenimento della mobilità fisica
  • la riduzione della rigidità
  • la riduzione del dolore
  • il miglioramento della posizione e del coordinamento
  • la prevenzione delle cadute 
  • il miglioramento del benessere generale

La scelta e l'intensità delle attività devono essere discusse con il medico curante. Lei deve imparare gli esercizi che si adattano a lei sotto la guida di un professionista con un fisioterapista.
 

Trattamento del morbo di Bechterew

Per le persone affette dal morbo di Bechterew, una delle misure più importanti riguarda i corsi specifici di terapia. L'Associazione Svizzera della spondilite anchilosante propone delle terapie settimanali per il morbo di Bechterew, gestite da fisioterapisti specializzati.

È importante che gli esercizi appresi siano ripetuti in modo indipendente a domicilio e che il movimento venga integrato nela routine quotidiana. In combinazione con la terapia farmacologica, ciò può portare a un ulteriore miglioramento della mobilità e della funzionalità nella vita quotidiana.
 

Ergoterapia

L'obiettivo dell’ergoterapia è imparare delle sequenze di movimenti articolari al fine di alleviare i dolori e non affaticare eccessivamente le articolazioni non affette con dei movimenti falsi. Gli ergoterapisti forniscono anche informazioni su dispositivi medici nella vita quotidiana e sul loro uso corretto. Ad esempio, le maniglie di estensione per i calzascarpe o per i pettini offrono un prezioso supporto nella vita quotidiana. L'uso corretto dei mezzi ausiliari viene esercitato con i pazienti. Anche l’ergoterapia ha un effetto positivo solo se viene praticata in modo coerente e regolare. 
 

Terapia fisica

L'obiettivo della terapia fisica è principalmente quello di dare sollievo dai dolori. Lo spettro della terapia fisica comprende, tra l’altro:

  • La ginnastica terapeutica
  • Applicazioni a freddo (ad esempio borse del ghiaccio)
  • Applicazione di calore (ad esempio: cataplasmi di fango, cataplasmi di torba, luce infrarossa)
  • Balneoterapia (ad esempio: bagni termali o bagni nell’acqua di mare)
  • Massaggi
  • Elettroterapia


Cambiamenti del regime alimentare

Relazioni delle persone colpite mostrano che l’alimentazione, in combinazione con altri metodi, può avere un effetto positivo sui sintomi. Questo non significa rinunciare ad un’alimentazione gustosa.

Alcuni componenti degli alimenti hanno un effetto dove sono efficaci anche i medicamenti antinfiammatori. Ci sono delle sostanze che aumentano l'infiammazione e alcune che riducono l'infiammazione. Di conseguenza, un’alimentazione antinfiammatoria può, nella migliore delle ipotesi, contribuire a ridurre il processo dell’infiammazione reumatica e a ridurre la frequenza delle recidive della malattia. Una sana alimentazione permette anche di ridurre il rischio di osteoporosi, generalmente più elevato in caso di morbo di Bechterew.
 

Gestione mentale della malattia

Anche una consulenza psicologica può essere una risorsa preziosa. Può contribuire all’accettazione della malattia cronica. Anche i programmi di gestione del dolore possono aiutarla ad affrontare meglio la vita quotidiana.

 

Allenamento professionale della schiena a domicilio?

 

Più informazioni

 

Verificato sul piano medico da Daniel Koch, Senior Specialist Medical Affairs, MSD Svizzera

Daniel Koch è attivo da più di 35 anni in varie posizioni nel settore farmaceutico, di cui 30 anni presso MSD. Dal 2011, lavora come Senior Specialist Medical Affairs nel settore dell’immunologia che comprende le malattie infiammatorie croniche come la spondiloartrite assiale, l'artrite reumatoide e l'artrite psoriasica.

 


CH-NON-00025; 09/2020

Ihr Browser oder dessen Version ist veraltet und diese Seite damit nicht darstellbar. Bitte besuchen Sie unsere Seite mit einem aktuellerem Web-Browser. Auf der Webseite browsehappy.com finden Sie eine Auswahl an aktuellen Web-Browsern und jeweils einen Link zu der Herstellerseite.