Decorso della spondiloartrite assiale

L’evoluzione della malattia è molto diversa e non può essere prevista per ogni singolo paziente:

  • La SpA assiale può avanzare regolarmente così bene come con le recidive, che vengono separate da fasi di diversa durata, senza lamentele. È anche possibile il ristagno della malattia.
     
  • In alcuni pazienti, il morbo di Bechterew può, in una fase avanzata, svilupparsi a partire dalla forma precoce, la spondiloartrite assiale non radiografica. Tuttavia, ci sono anche pazienti che si trovano nelle prime fasi della malattia da anni.
     
  • In certi pazienti, la malattia è relativamente lieve e presenta pochi sintomi, mentre altri evocano forti dolori e una conseguente disabilità della mobilità spinale.
     

Cambiamento a livello della colonna vertebrale

Spesso, la spondiloartrite assiale inizia in entrambe le sue forme con un’infiammazione delle articolazioni sacro-iliache. A causa dell'infiammazione, nel decorso della malattia può verificarsi una trasformazione ossea a livello delle vertebre.

Successivamente, l'infiammazione può diffondersi in tutta la colonna vertebrale e portare ad un’ossificazione crescente con delle rigidità vertebrali. Ciò può accompagnarsi ad una conseguente limitazione della mobilità della colonna vertebrale e ad una posizione più o meno arcuata in avanti, a causa della curvatura della colonna vertebrale.

Questo processo può durare molti anni. Tuttavia, non è necessario limitare seriamente la funzionalità, inoltre sono possibili forme di evoluzione abbastanza leggere.
 

Esame regolare dell’evoluzione della malattia

L’evoluzione della malattia deve essere regolarmente verificata. Se è necessario un adattamento del trattamento, esso può essere individuato e attuato in una fase precoce. È importante che il paziente si muova regolarmente e osservi la sua mobilità.

Le applicazioni per i pazienti, i questionari standardizzati e i metodi di esame per valutare l'attività della malattia supportano il paziente e il reumatologo curante.

Se esistono dei disturbi che, a prima vista, sembrano non avere nulla a che fare con un’axSpA, essi dovrebbero tuttavia essere discussi con il medico nel corso della visita successiva. Un adattamento del trattamento specifico può eventualmente aiutare anche a far fronte a questi disturbi.
 

Coinvolgere regolarmente degli esperti

Un appuntamento con un reumatologo non deve essere organizzato solo per la diagnosi e per le recidive acute. Degli esami regolari consentono allo specialista di valutare l'ulteriore evoluzione di questa malattia reumatica infiammatoria, di adattare il trattamento se necessario e, eventualmente, di rivolgersi ad altri esperti (ad esempio: un oftalmologo, un dermatologo, un gastroenterologo).  

Ad oggi, la spondiloartrite assiale (axSpA) non è curabile ma, durante la sua evoluzione, può essere influenzata in modo decisivo:

In molti casi, l'infiammazione può essere ridotta rapidamente e in modo persistente con i medicamenti disponibili oggi. Con una ginnastica specifica regolare, la mobilità in molti casi può anche essere ampiamente preservata.

CH-NON-00025; 04/2020

Cookies

Ihr Browser oder dessen Version ist veraltet und diese Seite damit nicht darstellbar. Bitte besuchen Sie unsere Seite mit einem aktuellerem Web-Browser. Auf der Webseite browsehappy.com finden Sie eine Auswahl an aktuellen Web-Browsern und jeweils einen Link zu der Herstellerseite.